Rimini

Rimini è situata nella parte sud della Regione Emilia-Romagna, nella costa orientale della nostra penisola, sul mare Adriatico, a 250 km da Venezia.

E’ una città di oltre 140.000 abitanti, capoluogo di una provincia che porta il suo stesso nome, che da qualche anno a questa parte si è arricchita da un punto di vista territoriale e come numero di abitanti grazie all’ingresso dei comuni dell’Alta Val Marecchia, che in precedenza facevano parte della provincia di Pesaro. In un certo senso la provincia di Rimini si è allontanata dal mare per espandersi verso l’interno.

Rimini è una importante meta del turismo balneare europeo, anzi ne viene considerata senza ombra di dubbio la capitale indiscussa, anche se deve subire la concorrenza agguerrita di altre località italiane e straniere.

Rimini che è posta da un punto di vista strettamente geografico in una zona pianeggiante della costa Adriatica, è bagnata da due fiumi, il Marecchia e l’Ausa.

Il territorio della provincia di Rimini comprende due vallate, la Valconca, che si trova ai confini della Regione Marche e la Valmarecchia, situata nella parte Nord della provincia di Rimini.

Rimini è la città italiana più vicina alla RSM, a cui è collegata da una superstrada che attraversa la parte pianeggiante del comune di Coriano, segnatamente la frazione di Cerasolo Ausa, a cui è legata strettamente da motivi di ordine economico, sociale, culturale e turistico.

Rimini è una città importante da un punto di vista storico, essendo una città romana e malatestiana nello stesso tempo. Rimini conserva le tracce della presenza di questo retaggio storico grazie ai monumenti come l’Anfiteatro Romano, la Domus del Chirurgo, l’Arco di Augusto e il Ponte di Tiberio di epoca romana e il Tempio Malatestiano e Castelsismondo, che appartengono al periodo in cui Rimini era il centro più importante della Signoria dei Malatesta.

Rimini è considerata da tutti la capitale del loisir e del divertimentificio, quel grande sistema di accoglienza e di servizi alla persona che è il tratto distintivo della riviera romagnola e che l’ha resa grande a livello internazionale.

Approfondisci qui

Riccione

Quando si parla di Riccione, il suo nome si associa immediatamente a quello del suo viale principale viale Ceccarini, una via conosciuta a livello internazionale per le boutique e i locali di tendenza che lì si trovano, un viale che è diventato col tempo l’ambasciatore naturale di Riccione nel mondo.

Riccione è una città di 36.000 abitanti, che si trova nella parte orientale dell’Emilia-Romagna, affacciandosi sul mare Adriatico. La città di Riccione è conosciuta in campo internazionale anche con la denominazione di Perla Verde. E’ la seconda città più popolosa della provincia di Rimini dopo il capoluogo Rimini e dista 10 km da esso verso sud.

La sua storia è parte integrante di quella cultura dell’ospitalità e dell’accoglienza che ha reso grande la riviera romagnola.

Da un punto di vista prettamente turistico, Riccione, grazie alla varietà della sua offerta turistica è un luogo accessibile a tutti dalle famiglie ai giovani, dagli anziani fino a chi ama praticare il turismo sportivo, un luogo fruibile di giorno con il turismo balneare e di notte con la vita notturna, che grazie alla presenza di molte discoteche situate nella fascia collinare, è diventata celebre in tutto il mondo.

La capacità e quindi l’originalità di Riccione è sempre stata quella di intercettare i cambiamenti in atto e le relative tendenze, restando sempre un punto di riferimento per tutta la riviera.

Dunque non solo turismo balneare per Riccione, non solo spiaggia, ci sono le terme, decine e decine di discoteche e locali notturni, negli ultimi tempi si sta assistendo alla nascita dei locali e dei chioschi sulla spiaggia e la diffusione degli street bar. Riccione è altresì dotata di un proprio palacongressi, che le permette di organizzare eventi e congressi legati ad esso, fatto questo che consente a Riccione di essere una città turistica fruibile tutto l’anno.

Approfondisci qui

Cervia Milano Marittima

Cervia, antica città salinara, non è solo sinonimo di turismo balneare, m anche di storia e cultura. Cervia è situata molto vicina a Ravenna, che è conosciuta in tutto il mondo come la capitale mondiale del mosaico. Visitando il centro storico di Cervia, si potrà scoprire il fascino di una città ricostruita di nuovo pezzo per pezzo, dalla fine del sec. XII°. I magazzini del sale, un edifico di archeologia industriale che è stato restaurato che è attualmente sede di eventi, testimonia la vocazione alla produzione e alla commercializzazione del sale che ha interessato Cervia prima dell’avvento del turismo.

La località più gettonata a livello turistico che fa parte del comune di Cervia, è la località di Milano Marittima, che si trova a nord di Cervia, che è stata fondata nel 1912 da alcuni esponenti della buona borghesia lombarda e milanese, che desideravano trovare un posto salubre come la meravigliosa pineta che costeggia il litorale cervese, per passare le loro vacanze estive. Si tratta di una località della riviera romagnola che si caratterizza per il fascino e l’atmosfera esclusiva, in grado di soddisfare il più esigente degli ospiti.

La località turistica di Pinarella, caratterizzata da una rigogliosa pineta, si trova invece appena fuori dal centro abitato di Cervia, verso sud, mentre la località denominata Tagliata, che è situata ai confini con Cesenatico, si sta affermando come una località veramente strutturata per fare turismo, essendosi nel tempo dotata di attrezzature che l’hanno fatta diventare una località turistica di discreto livello.

Approfondisci qui

Cesenatico

Cesenatico nasce come protesi marittima della città di Cesena, fu in pratica il porto di Cesena, il suo sbocco naturale sul mare Adriatico. Questo fatto accadde quando Cesena era sotto l’egemonia del ramo cadetto dei Malatesta di Rimini, rappresentato da Novello Malatesta.

Cesenatico è famosa per il suo porto canale, che è stato disegnato e progettato da Leonardo Da Vinci, che è vanto della cittadina rivierasca da proporre anche in chiave di attrazione turistica.

Il rapporto di Cesenatico con il mare che gli sta di fronte, il mare Adriatico, si può considerare a tutti gli effetti un rapporto di “simbiosi”, e non solo per quel che attiene al turismo. Infatti Cesenatico nasce in origine come un antico borgo marinaro che ha sempre tratto dal mare con la pesca la sua principale fonte di sussistenza, prima dell’avvento del turismo.

Il nome di Cesenatico è legato in modo indissolubile alla ristorazione a base di pesce, che porta anche nel periodo invernale tanta gente a Cesenatico, facendo in questo modo del paese un luogo vivibile e frequentato dai turisti per tutto l’anno e non solo nel periodo estivo. Cesenatico è una città viva anche nel periodo invernale.

Approfondisci qui

San Marino

La RSM, l’antica terra della libertà, fu fondata nel 301 dc da Marino, uno scalpellino di origini dalmate che assieme al suo collega Leone, che poi fondò a sua volta S.Leo,

cercava di sfuggire alle persecuzioni messe in atto in Dalmazia contro i cristiani dall’imperatore Diocleziano.

San Marino è collegata con Rimini grazie alla Superstrada di San Marino, che fu costruita con i soldi del piano Marshall che ci diedero gli americani per la ricostruzione del nostro paese nell’immediato dopoguerra. La vicinanza della Repubblica del Titano con la tentacolare riviera romagnola, permette che la piccola repubblica venga presa letteralmente d’assalto da una marea di turisti che lasciano per un attimo la riviera per salire sul Titano a visitare il magnifico centro storico.

E’ assiomatico, va da sé allora, date le condizioni che si sono venute a creare, che il rapporto con la riviera romagnola non possa che essere per cosi dire, in un certo senso “obbligato”.

Approfondisci qui

Ravenna

Camminando per il centro storico di Ravenna, ci si rende subito conto del fascino che emana questa magnifica città, che conserva ancora intatto l’aplomb e l’alto lignaggio di antica capitale, nella fattispecie per quanto riguarda l’impero bizantino.

La caratteristica che rende in un certo senso unica Ravenna, è quella di disporre di un territorio comunale assai vasto, che abbraccia un fertile territorio agricolo verso Forlì’ e Faenza, la zona lacustre della zona sud delle valli di Comacchio, con la frazione di S. Alberto, il centro storico di notevole spessore, la zona portuale e la parte del litorale denominata “ lidi ravennati”, che ha nella località balneare di Marina di Ravenna il centro più conosciuto e più importante.

Ravenna è famosa per i suoi monumenti, il mausoleo di Galla Placidia, la tomba di Dante Alighieri e per le magnifiche chiese di S.Apollinare in Classe e San Apollinare Nuovo, dove ci sono dei mosaici stupendi. Ravenna infatti si può considerare la capitale mondiale del mosaico. Nel territorio comunale di Ravenna, si trova il parco tematico di Mirabilandia, che attira tantissimi visitatori da ogni parte d’Italia, non solo bambini, ma anche un’utenza composta da adulti.

Approfondisci qui

San Leo

San Leo è uno dei centri più rappresentativi dell’alta Val Marecchia, fu fondata da Leone, uno scalpellino dalmata sodale di Marino, che fondò una comunità cristiana sulla quale nacque e si sviluppò l’attuale borgo. A San Leo si trova un’imponente fortezza che sotto lo Stato Pontificio era adibita a carcere, dove fu rinchiuso il palermitano Giuseppe Balsamo, conte di Cagliostro, che morì dentro la fortezza.

La cella dove fu rinchiuso il Conte di Cagliostro è ben segnalata dalla segnaletica interna alla fortezza, ed è ancora oggi oggetto di culto e di venerazione da parte di tanti suoi estimatori provenienti da tutta Italia che vengono a visitare il luogo in cui è stato rinchiuso, perchè lo considerano una specie di emblema del libero pensiero, lasciando in segno di deferenza sulla panca della cella, meravigliosi mazzi di rose rosse e scritti vari e poesie, a testimonianza che il suo mito persiste nel tempo.

La fortezza di San Leo, domina con tutta la sua imponenza la Val Marecchia, che era considerata da “l’empereur” Napoleone Bonaparte, una delle vallate più belle esistenti al mondo.

San Leo è considerato, assieme a Montefiore Conca che si trova nell’altra vallata facente parte della provincia di Rimini, la Valconca, uno dei cento borghi più belli e caratteristici d’Italia.

San Leo, patria di tante sagre romagnole, è uno dei paesi più importanti su cui fa affidamento la provincia di Rimini per proporre un’offerta turistica di tutta la Valmarecchia autonoma rispetto alla fascia costiera, con gli agriturismi, che sono numerosi nel suo territorio comunale,con le risorse ambientali presenti nella vallata, con la cultura e l’enogastronomia.

Approfondisci qui